Area Savioli Colonie Adriatica e Reggiana

Luogo

Marano - ITALY

Anno

2005

Cliente

Kiron srl

Restauro e risanamento conservativo a Riccione

Un progetto urbano complesso che coinvolge non solo i fabbricati presenti, sottoposti a tutela, e denominati “colonia Reggiana” e “colonia Adriatica”, ma anche aree tutelate dalla legislazione vigente sul paesaggio – “il giardino storico” della colonia Reggiana e le aree naturalistiche delle dune e dell’arenile. Il progetto, nella sua interezza, prevedeva non solo i suddetti interventi sul costruito in regime di vincolo, ma anche un complesso da realizzare ex novo – volto ad ospitare funzioni turistico-alberghiere -, a vantaggio delle istanze di nuovo utilizzo compatibili con la struttura e con il sito sul quale sorge, proponendosi di recuperare una forte testimonianza storico-architettonica per la città di Riccione ma anche per la costa romagnola tutta.
L’intervento si muove, sul piano funzionale, su due differenti scale: la scala urbana, relativa a tutto il sistema edificato – in parte esistente e in parte da concepire ex novo -; la scala del singolo edificio vincolato e del suo ambito di contesto. L’obiettivo del progetto è quello di creare una nuova porta urbana e ciò è stato risolto creando, alla scala urbana, un polo articolato al servizio della città e del turismo che si attesta come punto di accoglienza tramite la realizzazione di un grande parco urbano, di una piazza pedonale sopra l’interramento della viabilità del lungomare, mentre alla scala del singolo edificio, l’interconnessione a tutti i livelli di accessibilità pubblica e privata.
Il “giardino storico”, di dimensioni contenute ma disegnato da alcune presenze arboree e di impianto “italiano” è stato restaurato e ripristinato. L’ambiente “dune”, invece, rappresenta una delle scenografie più suggestive ed affascinanti ancora presente sulla spiaggia e crea una corte naturale con il costruito scalettato della colonia, che sembra come “magicamente separata” dal mare, in un’atmosfera sospesa nel tempo e nello spazio.